martedì 22 settembre 2009

Squilibri

vi è mai capitato di riflettere su voi stessi? a me ogni tanto o dovrei dire raramente, non mi piace analizzarmi, mi accontento di essere.
Mi piace essere me stesso, perchè così posso parlare con la parte più intima, col mio cuore, ed il cuore si sa, è un mezzo profeta.

Dedico questa mia piccola poesia a Squilibrato, un uomo che conosce una verità.

Hai Mai Visto Il Vento?


Photo By suo-me

hai mai visto il vento?
lui abita nelle mie malinconie
gioca fra i miei capelli
nella strada mi fa compagnia
invisibile filo per i gabbiani

hai mai visto il vento?
lui sa di cosa son fatte le nuvole
il grigio dell'orizzonte
m'insegna quanto siamo soli

hai mai visto il vento?
non ha legami
come me ha sogni e desideri
ma irrequieto fugge via
come me ha sogni e desideri
ma nessuno che lo ascolti

hai mai visto il vento?
come me lui è andato via
e non vuol più tornare

dark0

16 commenti:

  1. Bellissima!!!!bravo...dolce notte un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Dark0... non mi starai diventando gaio vero?

    Scherzi a parte, bravo!

    RispondiElimina
  3. beh.. ma che bella che è.. squil apprezzerà.. a me sembra un duro dal cuore tenero (shhh.. non dirglielo però, che poi mi manda il blog a far commenti strani al posto suo).. scherzi a parte.. ribadisco : sono rimasta incantata.. ti sorrido, dark0.. m.

    RispondiElimina
  4. http://www.youtube.com/watch?v=FlvYoD1RXWA

    Questa canzone mi ha sempre travolto in alcuni passi della mia vita. Lasciati toccare anche tu. E' meraviglioso.

    Il vento è libertà e mi lascio accarezzare perchè porti il mio odore a Lui.

    RispondiElimina
  5. grazie per le lodi ragazzi :)
    spero anche che sqilibrotto apprezzi.

    RispondiElimina
  6. Io l'ho visto il vento...ogni volta che con lui vado via e torno! Bella poesia...leggera, sfuggente, soave come un soffio di vento!

    RispondiElimina
  7. Uelaaaaa!!! Squilibrotto apprezza altroché! A dire il vero sono passato stamane (sotto segnalazione, lo ammetto), ma ero a lavoro ed è un periodaccio, non sono riuscito a transitare il tempo necessario per lasciare un commento. Adeguato e non.
    Dicevo che apprezzo, ma se hai fatto questo significa solo una cosa, senza ulteriore soluzione: che sei più malato (mentale, s'intende) di me. Soprattutto nella parte in cui dici che conosco una piccola verità. Ma anche "uomo" non scherza.

    La poesia mi piace tantissimo. Il vento è una una forza che adoro, mi affascina in molti dei suoi aspetti. Vorrei esserlo per molti dei motivi che hai descritto e per viaggiare, per sentirmi orizzontale, ma anche verticale, per sentirmi vorticare virtuosamente. Quindi ti ringrazio per avermi dedicato questa tua armoniosa e maestrale (!) ispirazione. Davvero azzeccata.

    Sono un tenero, in realtà. Dal cuore duro. Forse solo una leggera aritmia.

    Grazie DarkO! :)

    RispondiElimina
  8. Ah si, non mi sono firmato:

    tuo Squilibrotto.

    PS: e non fraintendere, nulla di gaio sullo sfondo.

    RispondiElimina
  9. grazie squili, mi fa molto piacere di essere più malato mentale di te. XD

    RispondiElimina
  10. Credimi, fa molto più piacere a me. Ihihihihih...

    Ho riletto la poesia e mi sono commosso. Commozione cerebrale, nulla di particolarmente rilevante.

    :)

    RispondiElimina
  11. @Squilibrato:

    l'importante è che non hai avuto una sensazione come un "pugno nello stomaco" XD

    RispondiElimina
  12. No, niente pugno nello stomaco :)
    Solo un po' di nausea, ma non dovuta alla tua poesia che mi dona sempre un sorriso, bensì alla costrizione del dover stare sulla Pineta Terra.

    RispondiElimina
  13. Un gran bel lavoro questa volta. Complimenti!

    RispondiElimina
  14. anche questa è molto molto bella....ognuna in modo diverso...tutte molto toccanti...

    RispondiElimina