venerdì 10 dicembre 2010

Dona A Me Riposo

Che il mio vagare non sia insensato e che alla fine io mi possa fermare.
Serenamente.


Fratello Mio

















photo by pat1926

ho fatto un viaggio
nelle profondità del mio cuore
la strada era lunga e tortuosa

tutto era buio fratello mio
ed il freddo mi ghiacciava le ossa
ma dovevo andare avanti

pian piano arrivai al centro del mio animo
falsamente sopito
nascosto lì fra la rabbia e la disperazione

travolto dall'emozioni piansi
perchè avevo scordato il cielo dentro di me
lo avevo scordato fratello mio

adesso ancora non so dove la vita mi porterà
ma più freddo non ho nel mio cuore fratello mio
il destino mi è ancora beffardo

ma più non ho paura

dark0

12 commenti:

  1. bravo darko, è una poesia incoraggiante, e soprattutto è tua, e allora è una bella occasione per venirti a salutare. ciao :)

    RispondiElimina
  2. l'ho letta più volte e lasciata un poco sedimentare: è così.
    solo in compagnia di noi stessi non ci sentiamo soli e dovunque questa vita ci porti, ci andremo respirando.
    è una fatica ricongiungerci a noi, ma anche l'unico modo per salvarci l'anima.

    RispondiElimina
  3. :))))) il tuo sorriso, la tua pace è anche la mia! Bella immagine 'il cielo dentro di me'! Un abbraccio 'fratello mio'! ;)

    RispondiElimina
  4. e se piangere ti ha fatto ritrovare il cielo dentro di te, ha fatto sparire la paura, sei fortunato ad aver pianto.
    ora sorridi :)
    Marie

    RispondiElimina
  5. perchè avevo scordato il cielo dentro di me....

    ....... :)))))))

    RispondiElimina
  6. @tutti.

    grazie per i commenti positivi e per l'incoraggiamento, quello poi non fa mai male. :)

    RispondiElimina
  7. Aggiungo anche il mio di commento positivo.
    E insieme all'incoraggiamento ci metto pure le mie scuse per essere sparito per un pò... ;-)

    RispondiElimina
  8. Sono parole bellissime. In un momento non facile per me mi hanno saputo dare un po' di quiete e positività... quindi ti auguro di continuare a non avere paura, e ti ringrazio per questo scritto... un abbraccio...

    RispondiElimina
  9. @Vonetzel:

    beh sei un papà impegnato tu. :)

    @MadiS:

    sono contento che la mia umile poesia ti abbia aiutato un pò. cara madis :)

    RispondiElimina
  10. I viaggi introspettivi sono sempre lunghi e tortuosi proprio per questo è alta la soddisfazione quando se ne esce vincitori quando si riesce a trovare la forza di affrontare le proprie paure...
    proprio una bella poesia!
    Buona settimana...un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  11. Ciao Darko...come stai?
    Ti stringo forte.
    Dolce Natale.

    RispondiElimina
  12. @Madame Bovary:

    grazie per i complimenti.

    @Giusy:

    abbastanza bene giusy, ti ho scritto una mail.

    RispondiElimina