domenica 13 febbraio 2011

Angolazioni

Quanti silenzi vi sono in una coppia.
Si evita di parlare per paura dell'altro, pian piano tutto diviene oscuro, distorto.
Perchè tanto timore?

Non Voglio Sapere















photo by tomba-27

Non voglio sapere quel che fai per sopravvivere.
voglio sapere per che cosa soffri,
e se sai almeno sognare di accettare la passione del tuo cuore.
Non voglio sapere le pene dei tuoi anni.
Voglio sapere se sai rischiare di sembrare matta per amore,
per i tuoi sogni, per l'avventura di essere viva...
Non voglio sapere quali pianeti sono in quadratura con la tua luna.
Voglio sapere se hai toccato il centro del tuo dolore,
se sei stata aperta ai tradimenti della vita
o se ti sei ritirata e chiusa per paura di ulteriore dolore.
Voglio sapere se puoi star seduta con il dolore, il mio o il tuo,
senza far niente per nasconderlo, o mascherarlo o immobilizzarlo.
Voglio sapere se puoi stare con la gioia, la mia o la tua;
se puoi danzare nascostamente nel silenzio
e lasciare che l'estasi ti riempia fino alla punta delle dita
senza ammonirti di stare attenta, di essere realista, o di ricordarti le limitazioni dell'umano.
Non voglio sapere se la storia che stai raccontando è vera.
Voglio sapere se puoi deludere gli altri per essere vera con te stessa,
se puoi sopportare l'accusa di tradimento e non tradire la tua anima.
Voglio sapere se puoi essere fedele alla tua fede silente,
se sai vedere la bellezza anche nell’orrore di ogni giorno,
e se sai nutrire la tua vita della Sua presenza.
Voglio sapere se puoi vivere con il fallimento, il tuo e il mio,
e ancora ergerti sulla riva di un lago e gridare all'argento della luna piena, “SÌ!”
Non voglio sapere dove o come o perché vivi .
Voglio sapere se puoi continuare a vivere dopo un giorno di pena e disperazione
addolorata e ferita fino alle ossa, e fare ciò che c'è da fare...
Non voglio sapere se sei felice o no, se lo sono o no.
Voglio sapere se sai stare al centro del fuoco insieme a me e non ti ritirerai.
Non voglio sapere dove o cosa o con chi hai vissuto e vivi.
Voglio sapere che cosa ti sostiene quando tutto il resto cade giù.
Voglio sapere se puoi stare sola con te stessa,
e se veramente ti piace la compagnia che ti dai nei momenti vuoti
di ogni presenza.


di Orso che danza, il pellerossa, l’anziano sognatore delle Montagne.

6 commenti:

  1. voler sapere dell'altro ci trasforma in speleologi: si scende giù, negli abissi dell'anima, la luce di superificie svanisce per lasciare posto a tesori nascosti, filoni di pietre preziose, ma anche buio ed oscurità: necessita di coraggio: acquisire la consapevolezza piena dell'altro.
    Come è più leggero starne fuori, respirare i profumi, i colori, senza scavare e scavarsi l'anima.
    "Perché è così che la gente vive/perché è questo che la gente fa/perché è così che ci si insegue/per un morso di immortalità..."

    http://www.youtube.com/watch?v=FULljEF1Fu0

    RispondiElimina
  2. Come sempre le parole che trovo qui sono un incanto... Volere sapere, volere sapere fino in fondo, è segno di amore e di grande coraggio: quasi certamente, sapendo, si porterà un nuovo peso e del nuovo dolore sulle spalle...
    Buona domenica, un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. ho risposto si à tutte le domande perché è quello che ho fatto quello che sto vivendo. Che ho vinto? :) buon giorno Dark ps io matta per amore lo sono sembrata davvero ma non era detto come un complimento, forse chi voleva offendere non ha capito che io stavo solo cercando di accettare la passione del mio cuore! Bacio Dark

    RispondiElimina
  4. @shadow:
    io non voglio essere come "la gente" :)

    @MadiS:
    forse, forse.

    @Marie:
    sono sempre convinta che tu non sia il problema, ma chi pensa che tu lo sia stata. :)

    RispondiElimina
  5. son certa che tu non lo sia... ;-)

    RispondiElimina