martedì 1 febbraio 2011

L'essenza Della Vita

E? forse questa l'essenza della vita? Lottare, agitarsi per un qualcosa che molte volte si tramuta in effimero.
Io vorrei di più.


Nasciamo





















Nasciamo senza portare
nulla, moriamo senza poter
portare nulla, ed in mezzo,
nell'eterno che si
ricongiunge nel breve
battito delle
ciglia, litighiamo per
possedere qualcosa.

N.Nur-ad-Din

19 commenti:

  1. Bella e vera. Mi viene da pensare che quella descritta sia l'aria in cui si propaga l'essenza della vita, poche gocce di un soave ma raro profumo. Forse mantenere l'olfatto vivo, tra tanto smog, è già qualcosa.

    RispondiElimina
  2. Eh già, hai proprio ragione, alla fine non facciamo altro che litigare quando poi sarebbe così semplice vivere con serenità.
    A presto!

    RispondiElimina
  3. A volte penso che la vita sia solo sopravvivere a tutti gli attacchi esterni...
    :(
    Lo so, non è proprio il massimo...

    RispondiElimina
  4. Ho scritto un racconto che porta questo stesso titolo - che però parla di un 'assoluto' la ricerca del quale rende l'intera vita meritevole d'essere vissuta. Il vuoto/baratro probabilmente è lo stesso, ma tanto ormai almondo ci siamo - per me a questo punto conviene cercare la pienezza dell'istante e immergervisi ;-)

    RispondiElimina
  5. L'importante è non stare fermi!

    RispondiElimina
  6. a volte le verità più grandi e sorpendenti sono nei pensieri più semplici...

    RispondiElimina
  7. @tutti:
    grazie per i vostri bei commenti. :)

    RispondiElimina
  8. 'litighiamo per
    possedere qualcosa'
    ma che alla fine non avremo mai. perchè nulla ci appartiene. :)
    xoxo FF

    RispondiElimina
  9. Beh, è vero che nella vita si lotta per possedere qualcosa ma non è detto che sia per noi stessi.
    Le lotte più dure spesso si fanno per gli altri, per questo si cerca la compagnia di qualcuno.

    La poesia non è null'altro che una sfaccettatura del detto: "Nasciamo soli e moriamo soli" però durante la vita cerchiamo di non rimanere soli.

    Ok, la psicologia dice che si ricerca la compagnia per la paura della morte, io credo che si cerchi la compagnia per continuare a vivere... ma forse mi sono spinto un po' troppo fuori tema, nevvero? :)

    RispondiElimina
  10. Ecco, io quoto (che termine orrendo, lo so) Alex. Son d'accordo con quel che ha scritto Egli... ^__*
    Potrei non aggiungere altro. Ma invece aggiungo.
    Intanto dissento, con amarezza, dall'affermazione di HeelFly (che saluto cordialmente):
    "perchè nulla ci appartiene" - enunciato affascinante, ma poco occidentale. Se il concetto è che "nulla ci appartiene oltre la morte" posso essere d'accordo. Ma proprio per questo, finchè siamo qui, quel che ci appartiene ...beh, ci appartiene eccome. Altrimenti ogni aspetto del mondo che il mio occhio vede è incompatibile. Ergo, non potrebbe sussistere in essere.
    E pure terapia tapioco, come se fosse Antani.

    Scherzo, ero serio.

    RispondiElimina
  11. anch'io vorrei di più Dark, forse un sorriso sincero che accompagni questo intervallo più o meno lungo tra la nascita e la morte.
    sono sempre stata persuasa che le cose che ci accompagneranno saranno le immagini più belle e più felici che hanno potuto osservare i nostri occhi.
    tutto il resto lo lasceremo a chi resta..

    RispondiElimina
  12. Hoi..che succede Darko?
    Non ti ho mai sentito cosi....
    Purtroppo Amico mio anch'io vorrei molto di piu'...ma viviamo in una società di merda...
    c'è troppo egoismo...troppa falsità.
    Comunque condivido moltissimo con Alex bellissimo il suo commento.
    Io sto bene...non riesco ad inviarti mail.
    Ho un problema in posta...ma ti scrivo appena risolto.
    Ti abbraccio Amico mio.
    Un sorriso:)

    RispondiElimina
  13. la mia visione del mondo non è esattamente idilliaca, ci sono comunque molte persone di buon cuore, ma ahime non abbastanza. la mia speranza, non per me, ma per chi è molto più giovane di me che avvenga un qualcosa, un cambiamento che porti questo mondo in un ordine più giusto.

    @Giusy:
    nulla mia cara Giusy, forse è il tempo che passa o miei occhi che sono un pò più stanchi.

    RispondiElimina
  14. Ti voglio bene....
    Ti stringo.:)

    RispondiElimina
  15. quante riflessioni...
    c'è una sola cosa che ci appartiene e siamo noi stessi, quello di cui dovremmo veramente occuparci e preservare la nostra anima.
    una lettrice del mio blog ha postato - non ho ancora commentato - una bellissima poesia di Kavafis, che dice molto in poche righe.
    spesso mi son detta che la vita è una "bufala", ma volente o nolente tocca a tutti di attraversarla: allora salviamola dal mischiarci e spenderla inutilmente; salviamola dai luoghi comuni, dal possesso, dalle effimere certezze; salviamola dal così fan tutti e diamole il nostre nome. Solo così, cercando di realizzare il progetto prenatale che da sempre ci accompagna, avremo un senso alla fine, non dimenticandoci mai che quella fine arriva e che la vita è fatta di chance che decidiamo noi se cogliere o meno.

    temo di essere andata un po' fuori tema... mi perdonerai :-)

    RispondiElimina
  16. Mi sto scrollando di dosso un po' di inutile motivo per litigare e per possedere… infatti! ;)

    RispondiElimina
  17. @shadow:
    perdonata. :)

    @petrolia:

    si fa quel che si può

    RispondiElimina
  18. http://intherainbow-intherainbow.blogspot.com/2011/02/e-se-non-puoi-la-vita-che-desideri.html
    Ciao Darko!!

    RispondiElimina
  19. @intherainbow:

    salve signorina. :)

    RispondiElimina